Condividi

Grotta di Ispinigoli

Un colonna di 38 metri che unisce la parete superiore con quella inferiore, una tra le più imponenti in Europa, rappresenta un’attrazione incantevole e imperdibile.

È la grotta di Ispinigoli che prende il suo nome proprio da questa spettacolare caratteristica che sembra appunto una “spina nella gola”. Situata dopo l'uscita di Dorgali, nella omonima località, la grotta può essere visitata passando per un percorso attrezzato, in mezzo ad un suggestivo ambiente, tra stalattiti e stalagmiti dalle forme più varie e pareti e concrezioni ondulate che con i loro colori offrono giochi di chiaroscuro di raro fascino, che si intensifica scendendo lungo la scala in cui le formazioni di calcare giallastro, di forme e sfumature diverse, raggiunge il fondo della grotta, fino alla base dell'enorme colonna. Il percorso si compie scendendo 280 gradini.

Una delle particolarità di Ispinigoli è l’ "abisso delle vergini", così denominato in quanto la sua struttura non è facilmente accessibile. Si tratta infatti di uno stretto e profondo imbuto che mette in comunicazione le diramazioni sotterranee della grotta e che si sviluppa per circa 12 km ed è accessibile solo a speleologi esperti.

Come arrivare

Partendo da Dorgali in direzione Orosei, percorrendo la SS 125, al km 209,400 si gira a destra per la gotta di Ispinigoli. 

 

Luoghi da visitare

Cose da fare

Trova tutte le informazioni

Video Gallery Dorgali Cala Gonone

Language